Informazioni Liceo Scientifico Scienze Applicate

L’indirizzo Delle Scienze Applicate Ex Scientifico Tecnologico , si prefigge l’intento specifico di:

  • legare più saldamente i contenuti didattici disciplinari con il mondo reale conosciuto dai ragazzi;
  • avviare gli studenti all’approfondimento teorico delle leggi e dei processi che regolano la realtà utilizzando, come motivo di stimolo e di curiosità, il rapporto tra esperienza vissuta e conoscenze acquisite.

L’obiettivo primario del corso è quello di guidare gli allievi all’acquisizione di una “intelligenza tecnologica” finalizzata non alla formazione di una preparazione tecnicistico-esecutiva, ma all'esercizio di una consapevole mentalità progettuale.
La complessità dei rapporti sociali di natura ambientale, storica, economica ecc., rimane il quadro di riferimento entro cui collocare criticamente e consapevolmente ogni esperienza di apprendimento.

Metodi

L'uso continuativo dei laboratori e la progettazione e la realizzazione di situazioni sperimentali caratterizzano la didattica delle discipline di questo indirizzo, in modo da privilegiare una conoscenza diretta e favorire lo sviluppo di procedure tipiche dell'indagine tecnico-scientifica.
La conseguente rielaborazione critica degli elementi appresi richiede una maggiore articolazione dei saperi, non concepibili come delle "scatole" chiuse ed indipendenti, e porta gli studenti ad avere un quadro il più possibile unitario e coerente delle conoscenze.

Le abilità così acquisite si misurano, nel 4° e 5° anno di corso, con un lavoro di équipe previsto dai programmi sperimentali e definito “area di progetto”. Tale ricerca, nell’indirizzo tecnologico, verte su problematiche e dinamiche emergenti nel territorio e prevede una committenza esterna alla scuola (enti, istituzioni pubbliche e private, aziende…).
Le dinamiche di sviluppo del lavoro stimolano le attitudini individuali, la pratica del “cooperative learning”, la verifica di congruenza dei risultati rispetto al progetto e approdano a conclusioni che sono oggetto di discussione nel corso della prova orale dell’Esame di Stato.

Piano di studi

L’indirizzo scienze applicate, caratterizzato dalla centralità delle materie scientifiche, ma anche da un adeguato approfondimento delle discipline umanistiche e giuridico-economiche, si prefigge l’intento di:

  • legare più saldamente i contenuti didattici disciplinari con il mondo reale conosciuto dai ragazzi;
  • avviare gli studenti all’approfondimento teorico delle leggi e dei processi che regolano la realtà utilizzando, come motivo di stimolo e curiosità, il rapporto tra esperienza vissuta e conoscenze acquisite.

L’opzione “scienze applicate” fornisce allo studente competenze particolarmente avanzate
negli studi afferenti alla cultura scientifico-tecnologica, con particolare riferimento alle scienze
matematiche, fisiche, chimiche, biologiche e all’informatica e alle loro applicazioni.
Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di
apprendimento comuni, dovranno:
- aver appreso concetti, principi e teorie scientifiche anche attraverso esemplificazioni
operative di laboratorio;
- elaborare l’analisi critica dei fenomeni considerati, la riflessione metodologica sulle
procedure sperimentali e la ricerca di strategie atte a favorire la scoperta scientifica;
- analizzare le strutture logiche coinvolte ed i modelli utilizzati nella ricerca scientifica;
- individuare le caratteristiche e l’apporto dei vari linguaggi (storico-naturali, simbolici,
matematici, logici, formali, artificiali);
- comprendere il ruolo della tecnologia come mediazione fra scienza e vita quotidiana;
- saper utilizzare gli strumenti informatici in relazione all’analisi dei dati e alla
modellizzazione di specifici problemi scientifici e individuare la funzione dell’informatica
nello sviluppo scientifico;
- saper applicare i metodi delle scienze in diversi ambiti.

 

Questo corso di studi può sfociare in scelte nell'ambito dell'istruzione universitaria di qualsiasi tipo e livello oppure nella specializzazione professionale. In entrambi i casi risulta fondamentale la capacità di ricerca, di sviluppo e di soluzione di problemi, non solo matematici, acquisita nel corso del quinquennio. Abilità questa molto apprezzata anche nel caso in cui lo studente, una volta diplomato, intenda affrontare concorsi e selezioni di vario genere, nella volontà di ottenere un immediato inserimento nel mondo del lavoro.

Quadro orario

QUADRO ORARIO

L’orario annuale delle attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti è di 891 ore  nel primo biennio, corrispondenti a 27 ore medie settimanali, e di 990 nel secondo biennio e nel quinto anno, corrispondenti a 30 ore medie settimanali.

quadroorario liceoscienzeapplicate2

* biologia, Chimica, Scienze della Terra

E' previsto l'insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell'area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell'area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche. 

Profilo in uscita

Il potenziamento dell’area scientifica potrà consentire all'allievo un accesso più agevole alle facoltà scientifiche senza escludere un percorso umanistico.
L'allievo potrà anche accedere a corsi post-diploma a carattere professionalizzante o trovare impiego in settori che non richiedono competenze professionali specifiche, ma piuttosto capacità acquisite sulla base di conoscenze generali.

 

Contatore visite

Oggi 305

Questa settimana 1261

Questo mese 4749

Totale 305413

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online